Bibliomanie.it

N.13 Aprile/Giugno 2008

SAGGI E STUDI

Il romanzo e il surrealismo di Adriano Marchetti

Gli studi hanno perlopiù considerato il romanzo, nell’ambito del Surrealismo, come un genere condannato, cui era rifiutato il diritto di cittadinanza letteraria. Inconfessabile in seno al gruppo, il romanzo era frequentato furtivamente, nella clandestinità, oppure come messa in opera di meccanismi destinati, nel corso del loro funzionamento, ad eludere il romanzesco...

L'infinito e la forma. La poesia di Vittoria Aganoor di Matteo Veronesi

Due recenti lavori di un giovane ed intraprendente italianista inglese, John Butcher, invitano il lettore d'oggi a riprendere in considerazione i versi di Vittoria Aganoor (1855-1910), poetessa di origine armena che, al crocevia fra Ottocento e Novecento, lambendo, e in parte assorbendo, atmosfere ed inquietudini che contraddistinguevano la nascente modernità letteraria italiana, diede corpo ed espressione ad un'esperienza umana e poetica certo umbratile...

L'età moderna e la sua fine. Intervista a Paolo Prodi di Piero Venturelli

Paolo Prodi: A mio avviso, stiamo vivendo davvero una svolta epocale nella quale tutto il patrimonio che abbiamo ereditato dalle precedenti generazioni, e in particolare lo Stato di diritto e la democrazia, è in profonda crisi e non si intravedono ancora i lineamenti del nuovo mondo che sta nascendo tra le tempeste della globalizzazione...

NOTE E RIFLESSIONI

Giorgio Ficara, Stile novecento di Luigi Preziosi

Il Novecento come secolo letterariamente “lungo”, tuttora pienamente vitale e non condizionato delle angustie rappresentate dai meri limiti cronologici tanto da prolungarsi oltre il discrimine del cambio del millennio: è questa la tesi, sommariamente sintetizzata, che Giorgio Ficara pone a fondamento del suo Stile Novecento...

Società e violenza. Elementi per una storia delle teorie criminologiche di Piero Venturelli

In un suo volume apparso di recente, La violenza politica. Un’analisi criminologica, il sociologo Vincenzo Ruggiero prende in esame la forza autorizzata e la forza non autorizzata, ossia le due forme in cui si manifesta la violenza politica...

Nota leopardiana di Valentina Mascaretti

Frutto di inesausto impegno filologico e di scientifica dedizione al Leopardi, Restauri leopardiani, l'ultima raccolta di saggi (otto per l’esattezza) di Pantaleo Palmieri costituisce quasi un distillato del metodo e delle competenze dell'autore...

TRADUZIONI, INEDITI E RARI

Helon Habila, La notte del mostro a cura di Giovanna Zunica

Ricordo la prima volta che vidi un soldato; avevo circa sei anni, vale a dire nel 1973 o ’74. La guerra civile nigeriana era appena finita e i soldati se ne tornavano a casa dal fronte: era di sera tardi, una di quelle sere di luglio lunghe e calde, e noi stavamo in piedi, spalla a spalla, sudati, sul ciglio della strada, mentre il lungo convoglio di camion con i soldati nel vano posteriore aperto attraversava il centro della città...

Displasia di Dio (Riflessioni in compagnia della morte) di Julio Monteiro Martins

Viaggiavo dentro di me, sfogliavo pagine, e quando ho guardato intorno, nelle pareti e negli oggetti del mio appartamento, un’energia estranea aveva invaso tutto quanto...

Tre poesie di Ellen Bass a cura di Giovanna Zunica

Ellen Bass è una poetessa statunitense. Oltre a sette raccolte di poesie, ha pubblicato vari saggi ed è curatrice di un’antologia di poesie scritte da donne e di un’antologia di scritti autobiografici di donne che hanno subito abusi sessuali durante l’infanzia...

Francesco Filelfo, Satyra in Vallam a cura di Federico Cinti

Valla, sta’ attento che, a sfidare tutti/ A duello, tu non muoia incautamente/ E non ti faccia favola del volgo./ Senza vergogna i sommi sacerdoti/ Inchiodarono il re degli dèi in croce,/ durante il suo soggiorno sulla terra;/ forse perdonerà un Valla, se gli offri/ motivo, chi preparò l’uccisione/ per Cristo?...

Interpretazioni 'classiche' di Alessandro Manzoni da Goethe a Croce a cura di Davide Monda

Parlò di Alessandro Manzoni, e mi disse che il conte Reinhard aveva visto da non molto tempo Manzoni a Parigi, ove, come giovane e già illustre autore, era ben accolto nei circoli. Ora era ritornato nella sua campagna presso Milano e ci viveva felice, con una giovane famiglia e la madre. «Manzoni», continuò Goethe, «ha un solo difetto: non sapere egli stesso di essere un grande poeta, e quali diritti un grande poeta abbia...

NARRARE

Il racconto della fossa di Massimiliano Tagliente

Quando lo zio voleva spaventare i suoi bambini, è questa la storia che iniziava a raccontare...

Oltre il sole di Massimiliano Lacertosa

Una volta ho visto un uomo perdere completamente la voce. Forse ho sentito anche qualche soffio di frase prima che le parole fossero respiro, ma non ricordo. Non feci caso all’aspetto della cosa tanto ero stranito nel vedere una persona diventare muta proprio sotto i miei occhi. Sembrava che lo avesse fatto volontariamente o forse sapeva che non poteva fare altrimenti. Lo trovai sulla strada del ritorno...

POETANDO 

Di questo catino di mondo di Anna Rusconi

Poesie per una mistica di Maria Rosa Pantè

Stati fluidi: quattro poesie di Giovanna Zunica

Nuovi frammenti lirici di Odradek

LETTURE E ANTICIPAZIONI

Pierre de Labriolle, Attualità di Sant'Agostino a cura di Davide Monda

Teologo, filosofo, moralista, polemista infaticabile, proprio per la sua squisita sensibilità Sant’Agostino è rimasto il contemporaneo di tutte le generazioni. Chi non ricorda la meditazione della madre Monica e del figlio Agostino nella sobria dimora di Ostia, l’intima tenerezza di quei cuori legati da mutuo affetto che, a lungo separati dal «tumulto della carne»...

G. B. Montini - P. Villa, Se tale sembra essere la volontà del Signore…,(Alessandro Manzani)

Sono trascorsi ormai trenta anni da quando, nel vespero della Trasfigurazione del Signore del 1978, si spegneva serenamente, nella quiete di Castel Gandolfo, Paolo VI...

Into the wild di Sean Penn (Lorenzo Roveda)

Interessante la scelta di Sean Penn per il suo ultimo film,  forse perché basato su di una storia vera e tratto dall’omonimo bestseller (Jon Krakauer), ma l’ultima opera del regista appare particolarmente convincente...

Adriano Marchetti Scritture di passaggio (Lorenzo Tinti)

Un uomo che attraversi la geografia instabile delle humanae litterae senza un metodo è un uomo che rischia di perdersi, ma il metodo non è l’uomo.

Barbara Frale I templari (Alberto Cazzoli)

Quando si affronta un tema spinoso e discusso come la storia dell’ordine dei Templari, è necessario procedere con la massima cautela. La stessa Barbara Frale chiarisce, nell’introduzione al suo denso volume, come il lavoro dello storico differisca da quello del romanziere..

Federica Guglielmini Giungerà la meraviglia (Edoardo Ripàri)

La corte è riunita e i musici sono pronti a suonare. Ma le vibrazioni dei loro strumenti armoniosi si perdono nelle alte volte del salone del ricevimento, mentre, distratti, i convitati si abbandonano all’assordante e stonato frastuono della chiacchiera. Una dama, sola e incantata...

Poesie dentro... da "Solstizio d'inverno" di Simone Salandra

Solstizio d’inverno: il sole si ferma pensoso, arresta in maniera  misteriosa la propria corsa apparente. La sosta rappresenta di certo un tema ed un valore rilevante per un autore che aveva intitolato la prima, apprezzata raccolta poetica Uomini e fossili. Non si tarda a indovinare una curiositas ben precisa, uno sguardo fermo ed assai attento a quel che cola in un modello, a quanto può – o sa – cristallizzarsi...

DIDACTICA

Pensare per immagini. Concetto e visione di Barbara Bravi

È nel clima culturale del VI sec. a.C. – com’è noto – che si insedia la nascita della razionalità scientifica e filosofica, nonché l’inizio della contrapposizione fra mythos e logos; ma, se da una parte la ragione impone che la verità risponda ai princìpi d’identità e di non contraddizione, condannando l’ambivalenza del linguaggio mitico e simbolico, dall’altra deve riconoscere come essa sia refrattaria alla rigorosa, algida schematizzazione logica...

Didattica della letteratura per il terzo millennio di Davide Monda

Qualche tempo fa ho ascoltato una ragazza parlare alla televisione. Aveva quattordici anni, e uno di quei visi affinati e dolorosi, che suscitano l’inutile pietà e tenerezza degli adulti. Non era difficile immaginare che aveva avuto un’infanzia chiusa e incerta. La interrogavano intorno al Cuore, e le parole che uscivano da quella giovane bocca...

EVENTI E INTERVISTE

Matteo Bortolotti. L'alchimista del giallo. Intervista di Marilù Oliva

Matteo Bortolotti è un giovanissimo della scrittura. Sia perché fin da piccolo sperava che la scrittura divenisse la sua strada e in quella direzione si è incamminato. Sia perché, nato nel 1980, ha pubblicato il suo primo romanzo a soli 25 anni...

 

                                Bibliomanie.it